Relatech, ritratto di un modello di azienda in grado di attirare i talenti

Condividilo su:

In un momento storico in cui spesso i media affrontano il tema della “fuga dei cervelli” dall’Italia verso l’estero, la storia di Relatech è in controtendenza.

Ne parla in un articolo Manuela Gianni, Direttore di Digital4Executive, che spiega come la realtà fondata da Pasquale Lambardi nel 2001 sia diventata un catalizzatore di competenze specializzate in ambiti quali eCommerce, analisi dei Big Data, Intelligenza Artificiale, Cybersecurity, Blockchain, Iot. «Le risorse umane sono il nostro asset più importante - spiega nell’articolo il fondatore e attuale AD di Relatech -. Replatform è il frutto del lavoro delle nostre software factory.

I dipendenti sono per l’80% laureati in discipline scientifiche, e circa il 10% ha conseguito un dottorato o master. Abbiamo costruito un modello di azienda in grado di attirare talenti». I quali, perciò, non sono costretti ad andare via dall’Italia in cerca di opportunità fuori dai nostri confini nazionali.

Leggi l’articolo integrale cliccando qui

.custom-menu-primary .hs-menu-wrapper > ul > li:not(:last-child) { padding-right: 40px; }